Amore e Psiche, visto da Valse

by

Psiche è una giovane gnocca dal nome improbabile. La dea Venere, invidiosa della sua beltà, invia il suo inaffidabile figlio Cupido (o Amore) per obbligarla a sposare un uomo particolarmente brutto, povero e stupido. Folgorato dalla prospettiva di sesso senza impegno, Cupido disobbedisce alla madre e diventa egli stesso lo sposo di Psiche, tacendo la sua identità, restando invisibile e frequentando la fanciulla nelle sole ore notturne.

Psiche vive così in un ricco maniero, circondata da invisibili servitori, attirando le invidie delle sorelle. Nonostante gli avvertimenti di Cupido, Psiche cade in un (non eccessivamente acuto) tranello tesole dalle sorelle, che scoprono così la natura divina del misterioso sposo. Rose dalla gelosia, convincono (la non eccessivamente acuta) Psiche che Cupido è in realtà un mostro e le propongono un piano per ucciderlo. Ma il piano fallisce, e Psiche vede finalmente il suo amante prima che questi la scopra e le sveli l’inganno delle sorelle.

Abbandonata da Cupido, Psiche si vendica delle sorelle con un (non proprio acuto) tranello. Venere scopre l’inganno del figlio e sguinzaglia le sue schiave per trovare Psiche e catturarla. Condotta davanti a Venere, la fanciulla viene messa alla prova con tre difficili incarichi. Disperata, Psiche si arrende subito, ma ecco che una serie di animali impiccioni, animati da desiderio di vendetta contro Venere, compie le prove per lei.

Come prova finale, Venere affida a Psiche una scatola e le comanda di portarla negli Inferi. Psiche pensa bene di suicidarsi, ma perfino i sassi sanno che i morti non possono tornare dall’aldilà, ed è proprio una torre ad indicargli la giusta via, fornendole tutte le indicazioni del caso e intimandogli di non aprire la scatola che porta con se.

Imprevedibilmente, Psiche apre la scatola, e un profondo sonno la coglie mentre ancora si trova negli Inferi. Tocca a Cupido salvarla nuovamente. Prima che Venere abbia escogitato nuove prove, Amore si reca presso Giove per esporgli la sua situazione. Il bonario Padre degli Dei decide di aiutare il figlio: placa Venere, eleva Psiche a divinità dell’olio esausto e la affida in moglie ad Amore.

PS: se vi interessa la storia, qui c’è la versione originale tradotta.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: